lunedì 22 dicembre 2014

Pensioni, Tfr, Partite Iva: ecco la legge di Stabilità definitiva

Dopo l'ok del Senato la legge torna alla Camera per l'approvazione finale. Ecco tutte le novità del maxiemendamento

Aumento Tasi congelato, 80 euro stabilizzati, Tfr in busta, credito di imposta Irap per i lavoratori autonomi e fondi pensione sono le ultime modifiche alla legge di stabilità 2015, licenziata al Senato e in attesa del via libera finale alla Camera. Vediamo nel dettaglio le misure.

BONUS 80 EURO E BONUS BEBE'

Diventa strutturale il bonus Irpef di 80 euro introdotto dal Dl 66/2014 per i lavoratori dipendenti con un reddito fino a 26mila euro. Sono stati modificati, rispetto al testo uscito dal Consiglio dei ministri, i limiti di reddito per il bonus bebè. L'assegno di 960 euro all'anno per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017, sarà concesso se l'ISEE familiare non supera i 25mila euro. E raddoppierà se l'indicatore resta sotto i 7mila euro. La Stabilità stanzia poi 45 milioni nel 2015 per la concessione di buoni acquisto da mille euro per le mamme che hanno almeno quattro figli e un Isee fino a 8.500 euro. I presupposti per la maturazione del diritto al 'bonus' sono tre e sono legati alla tipologia di reddito prodotto, alla sussistenza di un'imposta a debito dopo aver apportato le detrazioni per lavoro, nonché all'importo del reddito complessivo. Anche per l'anno 2015 sarà consentito l'inserimento in busta paga di un credito d'imposta pari a 960 euro annui se il reddito complessivo del percettore è inferiore o uguale a 24mila euro. Qualora il reddito complessivo fosse d'importo superiore a tale cifra, ma comunque nel limite di 26mila euro, il credito verrà ridotto proporzionalmente.

BONUS EDILIZIA

Confermato il credito di imposta per i lavori di recupero abitativo e di efficientamento energetico ai livelli massimi rispettivamente del 50% e del 65%. La novità rilevante apportata dal passaggio alla Camera (il testo in questa parte non è stato modificato al Senato) è la conferma dell'incentivo nel 2015 al livello del 65% anche per i lavori di prevenzione antisismica che già godevano di questo beneficio lo scorso anno, ma erano stati riportati al livello del 50% dal disegno di legge di stabilità varato dal governo.

Continua qui

domenica 21 dicembre 2014

Arriva il taglio dell'Irap per i lavoratori autonomi

Interessati oltre 3 milioni di lavoratori autonomi senza dipendenti

Se verrà confermata la riduzione dell’aliquota Irap al 3,5 per cento, i lavoratori autonomi senza dipendenti presenti in Italia beneficeranno di un tangibile risparmio di imposta. L’Ufficio studi della CGIA ha calcolato gli effetti dello sgravio Irap su 3 diverse tipologie di autonomi che lavorano da soli: un fruttivendolo, un elettricista e un agente di commercio. Questi casi riportano 3 diverse basi imponibili Irap che sono in linea con i dati medi rilevati dal Ministero delle Finanze. Vediamoli in dettaglio.

QUANTO E PER CHI

Sempre secondo lo studio CGIA, la platea di interessati è di oltre 3 milioni di lavoratori autonomi, c he andrebbero a risparmiare mediamente circa 140 euro l'anno. Vediamo ora i tre casi specifici ipotizzati nello studio.

Continua qui

 

giovedì 18 dicembre 2014

Riscaldamento: scatta l'obbligo delle valvole termostatiche. Ed è un salasso

L'obbligo scatterà alla fine del prossimo anno, ma è necessario muoversi per tempo

Entro il 31 dicembre 2016, così come previsto dal decreto di recepimento della direttiva 2012/27/Ue sull’efficienza energetica, scatterà l’obbligo, per tutti gli italiani che risiedono in condomini con riscaldamento centralizzato, di installare su ciascun termosifone del proprio appartamento le valvole termostatiche con i contabilizzatori di calore. Che permetteranno di risparmiare, ma avranno anche costi d'istallazione piuttosto alti e sanzioni altrettanto pesanti. vediamo tutto nel dettaglio.

CHI E QUANDO

Entro il 31 dicembre 2016 scatterà dunque l'obbligo di installare su ciascun termosifone del proprio appartamento le valvole termostatiche con i contabilizzatori di calore. L'obbligo riguarderà tutti gli italiani che risiedono in condomini con riscaldamento centralizzato (sono, quindi, esclusi i proprietari di immobili con l'impianto autonomo).

LE VALVOLE

Si tratta di meccanismi di termoregolazione che permettono una suddivisione del calore nelle diverse stanze dell'appartamento, consentendo di escludere automaticamente il termosifone una volta che la camera ha raggiunto la temperatura desiderata in base al livello impostato, da 0 a 5. I contabilizzatori o ripartitori di calore sono, invece, apparecchiature che quantificano il calore effettivamente consumato. 

 

Continua qui

 

lunedì 15 dicembre 2014

Legge Stabilità, governo: Iva pellet legno al 22%, gettito +96 mln

Italia più importante mercato livello europeo, 3,3 tonnellate anno 
 
Roma, 13 dic. (askanews) - Sale dal 10 al 22% l'Iva applicabile alle cessioni di pellet di legno. Lo prevede un emendamento alla legge di Stabilità presentato dal governo in commissione Bilancio del Senato. "L'Italia - si legge nella relazione tecnica - è il più importante mercato del pellet a livello europeo e il consumo complessivo nell'anno 2013 ammonta a 3,3 tonnellate". Secondo l'esecutivo, è atteso dalla misura un maggior gettito Iva di circa 96 milioni di euro l'anno.
 

lunedì 10 novembre 2014

Lavori in casa, confermate tutte le semplificazioni dello Sblocca Italia

Il provvedimento è stato approvato con voto di fiducia dal Senato. Ok anche alla deduzione Irpef 20% per chi compra una casa e l’affitta

06/11/2014 - Con 157 voti favorevoli e 110 contrari, ieri sera il Senato ha votato la fiducia sulla Legge di conversione del DL Sblocca Italia. L’Aula di Palazzo Madama ha approvato il testo della Camera senza modifiche.

La novità più importante è quella introdotta dall’articolo 17, che modificherà il Testo Unico Edilizia (Dpr 380/2001), relativa ai lavori interni alle abitazioni.

Sarà consentita la realizzazione con Comunicazione di inizio lavori (Cil), anziché con Segnalazione certificata di inizio attività (Scia) dei lavori di manutenzione straordinaria che consistono nel frazionamento o accorpamento di unità immobiliari e che non modifichino la volumetria complessiva degli edifici, non riguardino parti strutturali e mantengano l’originaria destinazione d’uso.

Continua qui

martedì 4 novembre 2014

Ideal Standard, via ai licenziamenti

Niente accordo al Mise. Mobilità per 398 lavoratori. I sindacati: uno schiaffo

«Il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, preso atto dell’impossibilità di addivenire ad un’intesa condivisa tra le Parti, dichiara conclusa con mancato accordo la procedura di cui al Dpr 218/2000». Tombale, la nota del ministero significa la messa in mobilità per i 398 addetti dello stabilimento di Orcenico (Pordenone) della Ideal Standard. Non ci sarà un ulteriore periodo di proroga della Cig in deroga fino a fine anno dopo il periodo 1 giugno-31 ottobre e la messa in mobilità è immediata. D’altronde, l’azienda ha già fatto partire praticamente le lettere di licenziamento.

Continua qui 

sabato 1 novembre 2014

Caldaie, obbligatorio da ottobre il nuovo libretto per tutti gli impianti

Cosa devono fare le famiglie per richiedere il nuovo libretto? Quali sono le sanzioni per chi non effettua gli interventi? Il vademecum

Il 15 ottobre 2014 è entrato in vigore il nuovo libretto d'impianto, che, rispetto ai precedenti controlli previsti per legge dal D.P.R. 74/13, prevede due grandi novità.
La prima è che nel libretto verranno registrati tutti gli impianti presenti nelle abitazioni degli italiani: non più solo caldaie e sistemi di riscaldamento, dunque, ma anche sistemi di climatizzazione, impianti solari e così via.
La seconda è che, accanto all'efficienza degli impianti, questa nuova disposizione prevede una diagnosi completa che ne andrà a verificare sicurezza, salubrità e igiene.
Ma cosa devono fare le famiglie per richiedere il nuovo libretto? Quanto costa? Quali sono le sanzioni per chi non effettua gli interventi? Chi deve pagare il controllo e la manutenzione? 

Continua qui

domenica 26 ottobre 2014

Bocciata la riduzione dell’Iva al 4% su ristrutturazioni ed ecobonus

No anche alla cancellazione dell’obbligo di affittare le case acquistate con il bonus 20%. Oggi il voto di fiducia alla Camera sullo Sblocca Italia

 Il Governo ha chiesto la fiducia sul decreto Sblocca Italia. Le dichiarazioni di voto iniziano oggi alle ore 16.00. Alle 18.00 il voto sulla fiducia. Il voto finale invece avverrà il 30 ottobre, perchè il Movimento Cinque Stelle ha chiesto di intervenire su tutti gli ordini del giorno.

L'Aula di Montecitorio si esprime sul ddl di conversione (scarica il testo aggiornato a oggi) del DL Sblocca Italia come modificato dalla Commissione Ambiente, dopo la bocciatura da parte della Ragioneria dello Stato e della Commissione Bilancio di numerose misure introdotte dalla stessa Commissione Ambiente.

Tra quelle cassate: l’Iva al 4% per chi usufruisce dei bonus per le ristrutturazioni e la riqualificazione energetica e la cancellazione dell’obbligo di affittare a canone concordato le case acquistate con la deduzione Irpef del 20%.

Continua qui

 

venerdì 24 ottobre 2014

UE, C'E' L'ACCORDO: ENTRO IL 2030 IL 27 PER CENTO DELL’ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

Venerdì, 24 Ottobre 2014
 
UE, C'E' L'ACCORDO: ENTRO IL 2030 IL 27 PER CENTO DELL’ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

Poco dopo l'una della scorsa notte, prima del previsto rispetto alle previsioni, i capi di Stato e di governo dell'Unione europea hanno raggiunto, al vertice di Bruxelles, un accordo unanime sugli obiettivi del nuovo pacchetto clima-energia per il 2030, da presentare alla conferenza Onu sul clima di Parigi del dicembre 2015. L'accordo conferma le cifre che aveva proposto in gennaio la Commissione europea per quanto riguarda la riduzione obbligatoria delle emissioni del 40% rispetto al 1990 in tutta l'Ue (da conseguire mediante sotto-obiettivi nazionali vincolanti e tramite la borsa delle emissioni Ets). Confermato anche l'obiettivo dell'aumento al 27% della quota di energia da fonti rinnovabili nel consumo totale dell'Unione (in questo caso senza sotto-obiettivi nazionali).

Continua qui

martedì 21 ottobre 2014

Sblocca Italia, gelata sull'Iva al 4% per le ristrutturazioni: mancano le coperture

Il testo è arrivato in Aula, dove si attende una nuova battaglia ma il governo vuole l'approvazione entro fine settimana: la scadenza è per l'11 novembre. Ecco le principali misure modificate in commissione Ambiente

MILANO - Sullo Sblocca Italia, in particolare sulla norma che dà la possibilità alle società autostradali di prolungare e rivedere le concessioni magari accorpandole e allungandone la scadenza, pende già il faro della Ue. Non mancano, però, molte novità di rilievo nel testo che è in attesa dell'ok da parte della Camera, a cominciare dal settore dell'edilizia. Un emendamento a firma del grillino Davide Crippa ha infatti abbassato al 4% l'Iva per i lavori di ristrutturazione degli immobili. Una misura che va chiaramente - insieme alla prosecuzione degli econobonus della Legge di Stabilità - nella direzione di cercare di recuperare a pieno il patrimonio edilizio esistente per evitare nuovo consumo di suolo. Ma che potrebbe non vedere mai la luce: la modifica, così come gli altri emendamenti approvati in commissione alla Camera, secondo fonti parlamentari potrebbe presentare problemi sulle coperture. A sollevare dubbi è in primis la relazione dei tecnici della Camera, secondo la quale l'Iva al 4% su ristrutturazioni e al 10% sulle nuove costruzioni (dal 4%) potrebbero non compensarsi. Se la prima misura determina un "minor gettito" per l'erario, la seconda "non determina necessariamente effetti positivi di gettito". C'è anche la "necessità di verificare" la compatibilità con la disciplina Ue.


Continua qui

venerdì 17 ottobre 2014

Caldaie, dal 15 ottobre diventa obbligatorio il nuovo libretto per tutti gli impianti

Cosa devono fare le famiglie per richiedere il nuovo libretto? Quali sono le sanzioni per chi non effettua gli interventi? Il vademecum

Il 15 ottobre 2015 entrerà in vigore il nuovo libretto d'impianto, che, rispetto ai precedenti controlli previsti per legge dal D.P.R. 74/13, prevede due grandi novità.
La prima è che nel libretto verranno registrati tutti gli impianti presenti nelle abitazioni degli italiani: non più solo caldaie e sistemi di riscaldamento, dunque, ma anche sistemi di climatizzazione, impianti solari e così via.
La seconda è che, accanto all'efficienza degli impianti, questa nuova disposizione prevede una diagnosi completa che ne andrà a verificare sicurezza, salubrità e igiene.
Ma cosa devono fare le famiglie per richiedere il nuovo libretto? Quanto costa? Quali sono le sanzioni per chi non effettua gli interventi? Chi deve pagare il controllo e la manutenzione?
A tutte queste domande ha risposto Lorenzo Epis, consulente di Domotecnica.

Continua qui

giovedì 16 ottobre 2014

Dissesto idrogeologico, le opere urgenti si faranno senza gara

Emendamento allo Sblocca Italia: ‘affidamento immediato anche sopra i 5,2 milioni di euro’. E per Genova pronti 145 milioni di euro

Lo Sblocca Italia conterrà misure per accelerare gli interventi contro il dissesto idrogeologico: in particolare, sarà possibile affidare senza gara le opere rilevanti e urgenti, anche sopra la soglia comunitaria di 5,2 milioni di euro.

 

Continua qui

 

giovedì 9 ottobre 2014

Ecobonus energia e ristrutturazioni al 65 e 50% prorogati anche nel 2015

- Saranno confermati anche nel 2015 gli ecobonus sugli immobili nelle proporzioni attuali, che prevedono bonus fiscale del 50% per le ristrutturazioni edilizie e quello del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica. Ad annunciarlo nel corso di un dibattito al Verona Efficiency Summit, il viceministro dell'Economia, Enrico Morando.
In Italia, dove oltre 7 cittadini su 10 sono proprietari di immobili, si scommette sempre sul bene rifugio per eccellenza: la casa. Sia quando si tratta di salvare i conti pubblici con le onerosissime imposte sugli immobili, sia per rilanciare l'edilizia, settore trainante dell'economia, oggi sofferente più che mai.

Continua qui

martedì 23 settembre 2014

Scaldacqua a pompa di calore


Da oggi, essere cliente di Enel Energia ti consente di avere uno scaldacqua a pompa di calore ad alta efficienza energetica con la comodità di un’offerta CHIAVI IN MANO e il vantaggio della promozione INTERESSI NO PROBLEM. Non sei ancora cliente? Ecco un motivo in più.

Rendi la tua casa più efficiente. Scegli lo scaldacqua a pompa di calore che usa l’aria per scaldare l’acqua.
 
La nuova tecnologia efficiente per l’acqua calda della tua casa, che sostituisce gli scaldabagni tradizionali riducendo gli sprechi. In due versioni: con unità esterna oppure monoblocco se non hai spazio all’esterno o cerchi la massima integrazione architettonica.
 
  • Alta efficienza: gli Scaldacqua innovativi consumano meno energia grazie allo scambio termico dell’aria esterna con il fluido refrigerante interno. Puliti e convenienti.
  • Flessibilità: da 80 a 300 litri, monoblocco e con unità esterna (split). Per potere scegliere la soluzione migliore.
  • Spendere meno: La tecnologia a pompa di calore consente un risparmio energetico fino al 75% rispetto a scaldabagni elettrici tradizionali di pari litraggio.
  • Puoi avere uno dei benefici tra (*):
    • Detrazione fiscale del 50 o 65%
    • Incentivo Conto Termico

    Fonte

martedì 16 settembre 2014

Prestito chiaro, bonus fiscale, risparmio energetico

E' il momento di dare nuova energia alla tua casa con il nostro prestito per la ristrutturazione e la riqualificazione 

Stavi aspettando l’occasione giusta per avviare i lavori e dare una nuova vita alla tua casa? L’attesa è finita. Sì, perché oggi ristrutturare casa può darti vantaggi tangibili, grazie anche a importanti agevolazioni fiscali e al risparmio in bolletta legato alla riqualificazione energetica; a questo noi di UBI Banca aggiungiamo un nuovo prestito studiato per le esigenze di chi vuole cogliere l’opportunità.

Il prestito Creditopplà Ristrutturazione Casa, semplice e trasparente, può infatti aiutarti a realizzare il progetto di una casa accogliente, efficiente, sempre più tua.

Oggi una casa più bella è anche sinonimo di risparmio. Ti sembra una favola? Invece è realtà, ma bisogna affrettarsi.
Le spese sostenute fino al 31/12/2014 per interventi di ristrutturazione e manutenzione straordinaria di immobili a uso abitativo (così come definiti dalla specifica normativa*) portano un bonus IRPEF fino al 50% dell’importo speso, da ripartire in 10 anni. Per la riqualificazione energetica degli edifici il bonus fiscale sale addirittura fino al 65%.  


Continua qui


domenica 31 agosto 2014

Decreto Sblocca-Italia, via libera del Consiglio dei Ministri

Arriva il Regolamento Edilizio Unico, prorogate le detrazioni per riqualificazione energetica e antisismica, al via dal 2015 l'alta velocità Napoli-Bari

È stato approvato oggi pomeriggio dal Consiglio dei Ministri il decreto Sblocca-Italia, il provvedimento che contiene numerose misure per l’edilizia, la casa e le infrastrutture. Tra le più importanti il Regolamento Edilizio Unico uguale per tutti i Comuni italiani, le detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica e l'adeguamento antisismico degli edifici, il riavvio dei cantieri per grandi infrastrutture e opere minori e facilitazioni per gli impianti di riscaldamento.

Continua qui

martedì 29 luglio 2014

“Quell’incendio ha spento le ultime speranze di rinascita alla Friges”

Ancora da chiarire le cause del maxi rogo che ha devastato l’azienda
 
Le drammatiche fasi dello spegnimento durante il rogo della Friges
Calamandrana (AT)
I carabinieri di Canelli e i vigili del fuoco di Asti stanno cercando di capire le origini dell’incendio della Friges di Calamandrana. Secondo una prima ricostruzione il rogo sarebbe partito da un soppalco dove erano stoccati gli isolanti per i tubi in rame. Questo spiegherebbe anche il perché del fumo denso, senza fiamme, delle prime ore. Infatti gli isolanti sono ignifughi, solo dopo essere esposti al calore per molto tempo prendono fuoco. In più nella fabbrica erano stoccati bancali in legno e materiale plastico di vario genere che incendiandosi ha portate le fiamme ai 12 metri d’altezza. Ci sono voluti quasi 40 vigili del fuoco divisi in 8 squadre per spegnere, dopo 6 ore d’intervento, l’incendio.

Continua qui

martedì 15 luglio 2014

Bond e scaglioni per salvare il fotovoltaico. Anatocismo, valanga di richieste di stop

Presentati gli emendamenti al dl Competitività, l'attenzione dei partiti si concentra soprattutto sullo "spalma-incentivi" e sul pagamento degli interessi di interessi. Anche il Pd presenta una proposta di stop a quest'ultima prassi, ma prevale la cautela: "Non daremo battaglia". Martedì mattina al via l'esame di ammissibilità sulle 1.600 modifiche



MILANO - Entra nel vivo la discussione parlamentare sui provvedimenti contenuti nel dl Competitività e il tiro dei partiti si alza sulla questione degli incentivi al fotovoltaico e dell'anatocismo, ovvero il pagamento (o l'incasso) degli interessi sugli interessi nei rapporti bancari. Sul primo punto, dalla lettura degli emendamenti presentati emergono proposte quali i bond per salvare gli incentivi agli impianti fotovoltaici o l'introduzione di scaglioni di potenza per cercare di ripartire diversamente l'onere della rinuncia alla remunerazione pubblica. Sul secondo versante, invece, prevale la richiesta di bloccare l'anatocismo e sopprimere l'articolo relativo: la proposta, certificata in un emendamento, arriva anche dal Partito Democratico. Proprio il Pd si è spaccato al suo interno sulla questione degli interessi, e non è un caso che il capogruppo in Commissione Industria al Senato, Salvatore Tomaselli, specifichi che non c'è intenzione di dare battaglia sul punto, ma dialogare con il governo. Chi segue da vicino i lavori, infatti, vede prevalere la volontà di applicare la norma, con i giusti correttivi tecnici, che in effetti è presente in tutto l'Occidente e vale tanto per gli interessi attivi che per quelli passivi. Martedì mattina partirà intanto l'esame di ammissibilità delle oltre 1.600 proposte di modifica giunte al dl, dopodiché si avvierà la discussione vera e propria.

Continua qui

sabato 21 giugno 2014

Novità Duravit: il WC del futuro

The best toilet - Duravit

SensoWash e Rimless di Duravit uniscono design e funzionalità

Duravit unisce due tecnologie innovative in una combinazione perfetta: l’abbinamento del sedile elettronico con funzione bidet incorporata SensoWash® e del vaso senza brida (Rimless) offre contemporaneamente un delicato lavaggio intimo della persona ed uno sciacquo igienico della ceramica.  


Continua qui

venerdì 13 giugno 2014

Climatizzazione: dal 1 giugno i nuovi Libretti

Dal 1° giugno 2014 gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva dovranno essere muniti di un nuovo Libretto.

Il DM del 10 febbraio 2014 stabilisce i nuovi modelli di Libretto e l'obbligo del Rapporto di controllo per quanto riguarda l’esercizio, la conduzione, il controllo, la manutenzione e l’ ispezione degli impianti di climatizzazione.
Secondo la normativa vigente, ogni impianto di climatizzazione invernale ed estiva deve essere munito dell’apposito Libretto; mentre, a seguito degli interventi di controllo e manutenzione, deve essere redatto il Rapporto di efficienza energetica.

Quest’ultimo è necessario solo per i sistemi di climatizzazione invernale con potenza utile nominale maggiore di 10 kW e per i sistemi di climatizzazione estiva con potenza utile nominale maggiore di 12 kW (prescindendo dalla produzione di acqua calda sanitaria).

Le nuove disposizioni, ad eccezione della la compilazione del Libretto, non verranno applicate agli impianti alimentati totalmente con fonti rinnovabili.

Continua qui

giovedì 29 maggio 2014

Obbligo del POS: costi e ostacoli dell’applicazione per imprese, artigiani ed esercenti

Costo del POS obbligatorio per imprese, artigiani ed esercenti; la nuova interpretazione del provvedimento sembra adattarsi bene solo a parte delle realtà imprenditoriali, che sia il caso di cambiare rotta?

Dal 30 giugno il POS “obbligatorio” (ormai lo si scrive tra virgolette) sarà realtà e quindi diverrà obbligatorio accettare pagamenti con carte di debito (bancomat), oltre la soglia dei 30 euro. Artigiani, commercianti e professionisti sono ovviamente sul piede di guerra e addirittura il Consiglio nazionale degli architetti dopo che il ricorso presentato al Tar del Lazio è stato respinto, ha deciso di rivolgersi al Garante della concorrenza e del mercato. Nel frattempo il CNF (Consiglio Nazionale Forense) ha comunicato il 20 maggio una interpretazione e un chiarimento della norma che tranquillizza i professionisti sulla questione del POS obbligatorio per i professionisti.

In sintesi, secondo le posizioni espresse dal CNF, l’obbligo previsto dalla norma non può essere considerato in modo automatico e assoluto un dovere di dotare il proprio ufficio di un Pos. Inoltre, nessuna sanzione è prevista verso chi dovesse decidere di non munirsi del terminale per i pagamenti con carta di debito.

La circolare del CNF chiarisce che non si può assimilare a un dovere giuridico il fatto di dotarsi di strumenti tecnologici per consentire al cliente privato di pagare con il bancomat, ma costituisce un onere gravante in capo all’impresa e al professionista.

Questo onere genera, nel caso in cui il cliente chieda di pagare con il bancomat e il creditore non permetta al cliente di pagare con lo specifico mezzo, una «mora del creditore» che non libera giuridicamente il cliente dall’obbligazione derivante dal bene o dal servizio acquisito.

Interessante è vedere come questa situazione sia di facile applicazione per buona parte di professionisti e imprese che operano in modo strutturato, che comunque volendo potranno redigere contratti che specifichino le forme di pagamento previste (ad es. bonifico o assegno) aggirando così il problema.
Il concetto non è però altrettanto facilmente applicabile alle imprese che operano in esercizi pubblici a contatto con clienti spesso occasionali. Gli esempi più lampanti possono essere i bar, i ristoranti o, più in generale, gli esercizi commerciali come piccoli negozi o simili. Per questi infatti non è così semplice ne immediato applicare l’interpretazione data dal CNF e parlare di «mora del creditore» nel caso ad esempio di un conto da € 31 al ristorante fa quantomeno sorridere.


Continua qui

 

venerdì 23 maggio 2014

Giornata Mondiale della Terra, da Daikin un gesto concreto per l’ambiente

Dal 23 aprile al 30 maggio sostituzione gratuita di alcuni sistemi di climatizzazione

Nella giornata in cui si celebra la Giornata Mondiale della Terra, Daikin Italy ha deciso di offrire la sostituzione gratuita di alcuni sistemi di climatizzazione e riscaldamento, con macchine più efficienti in grado di ridurre i consumi di energia e le emissioni di CO2. L’iniziativa di Daikin è estesa a tutti i clienti privati in possesso di unità di climatizzazione Daikin a R22 che, dal 23 aprile al 30 maggio, faranno richiesta di sostituzione sul sito Daikin.it Dakin metterà a disposizione 5 sistemi monosplit serie Daikin Emura (max grandezza 35) e 3 sistemi multisplit 2 attacchi con unità interne serie Daikin Emura. L’iniziativa è rivolta anche ai possessori di una caldaia murale a gas (non a condensazione) di qualsiasi marca, che sarà sostituita con un sistema Rotex HPU Hybrid. Oltre ai prodotti a uso residenziale, verrà proposta la sostituzione di 1 sistema VRV a pompa di calore a R22 (8 o 10 Hp) con un moderno VRV Q (solo unità esterna), 1 gruppo frigorifero a R22 (con una potenza massima di 16 kW) solo freddo o pompa di calore con un modello EUWAQ16 in pompa di calore. Il criterio di assegnazione delle nuove unità si baserà sull’anzianità delle macchine, secondo l’anno di produzione. Il regolamento completo è disponibile sul sito Daikin.it

Fonte

mercoledì 21 maggio 2014

Politici sul wc nella campagna degli operai della Ideal Standard

A Orcenico Zoppola c'è la paura di perdere il lavoro e si provoca così.
Ma il battage lascia vestiti gli uomini e mette a nudo solo le donne

Solo schiuma su Maria Elena Boschi, ritratta in vasca da bagno. Matteo Renzi seduto sul wc. Il "trono" di Beppe Grillo è il bidet. Questa la campagna destinata a far parlare di sé promossa dagli operai della Ideal Standard di Orcenico di Zoppola, in provincia di Pordenone. Nei manifesti, con i fotomontaggi dei rappresentanti politici più in vista, lo slogan che cita il celebre #enricostaisereno di Renzi con un "Non star sereno".

Le altre foto

domenica 11 maggio 2014

Bonus Mobili, in bilico al Senato l’eliminazione del vincolo di spesa

DL Casa: proposta congelata in attesa del via libera del Governo, Ecobonus 65% esteso agli interventi sugli immobili degli Iacp.

È all’esame del Senato il disegno di legge per la conversione del Dl Casa. Diverse le modifiche approvate dopo il passaggio dalle Commissioni Ambiente e Lavori Pubblici, come l’estensione dell’Ecobonus agli interventi sugli Iacp, la banca dati e il censimento degli immobili pubblici. Resta invece in bilico l’eliminazione del vincolo di spesa sul Bonus Mobili, su cui la Commissione Bilancio ha espresso parere negativo.

Bonus Mobili
Dopo l’approvazione in Commissione Ambiente e Lavori Pubblici dell’emendamento che svincolava le detrazioni sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici efficienti dal prezzo della ristrutturazione, la Commissione Bilancio, incerta sull’impatto economico della misura, ha proposto di attendere la relazione tecnica del Governo.

Se fosse confermato il parere delle Commissioni Ambiente e Lavori Pubblici, anche se gli arredi costeranno più dell’intervento di ristrutturazione, la detrazione del 50% sarà riconosciuta sull’intero importo della spesa per l’acquisto dei mobili.

Continua qui

venerdì 2 maggio 2014

Ristrutturazione edilizia, cos’è? Il TAR mette i puntini sulle i

Il TAR interviene ancora sul concetto di ristrutturazione edilizia e chiarisce quando possiamo parlare di intervento di ristrutturazione e non nuova costruzione. Un concetto importante anche in relazione al Bonus mobili.

L’addizione di volumi che non siano “tecnici” non è compatibile con il concetto di ristrutturazione edilizia. La demolizione totale di un fabbricato e l’esecuzione di un edificio completamente differente dal primo devono qualificarsi come interventi di nuova costruzione su un lotto liberato da un preesistente fabbricato: non si tratta quindi di ristrutturazione di un fabbricato esistente.
C’era già una sentenza del Consiglio di Stato. Il Tar Toscana, con la sentenza 654 del 23 aprile, ha fornito altri chiarimenti sul concetto di ristrutturazione edilizia, molto utile anche ai fini dell’attualità politica e del Bonus mobili, che dà la possibilità di detrarre il 50% dell’Irpef dall’acquisto dei mobili ma solo in un contesto di ristrutturazione edilizia.

Continua qui

giovedì 24 aprile 2014

Nuovi libretti per il condizionamento e il riscaldamento


News - Norme e direttive   
libretto condizionatore 

Il 1 giugno verranno inaugurati i nuovi libretti che certificano l’efficienza di caldaie e gli impianti di climatizzazione estiva.

Il libretto ce documenta che l’impianto sia a norma è obbligatorio e soggetto a verifiche ogni qual volta si interviene sul sistema per legge o per modificarne il funzionamento.



Il rapporto è invece necessario per gli impianti di riscaldamento con potenza maggiore di 10 kw e per i condizionatori con potenza maggiore di 12 kw.

Il 10 febbraio 2014 sono stati introdotti i nuovi modelli di libretto e di rapporto, per le caldaie, i condizionatori e i nuovi sistemi come le pompe di calore geotermiche, i cogeneratori e i dispositivi alimentati da fonti rinnovabili.

Continua qui

lunedì 7 aprile 2014

POS, commissioni in base all’importo dei pagamenti

Il decreto del Ministero dell’Economia prevede commissioni differenziate a seconda della carta usata per il pagamento.

Sono queste le novità introdotte dal DM 51/2014, varato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze dopo che il DL 201/2011 (Manovra Salva Italia) ha previsto la riduzione delle commissioni a carico degli esercenti per le transazioni effettuate con carte di pagamento e che il DL 179/2012 ha imposto a professionisti e imprese l’obbligo di accettare i pagamenti tramite Pos.

Continua qui


venerdì 21 marzo 2014

Acqua, ogni giorno seimila litri a testa: ecco tutti gli sprechi nascosti



UN ESSERE umano per sopravvivere ha bisogno di 4 litri di acqua al giorno. Ovviamente ne usiamo di più per cucinare e per tutti gli usi domestici: il consumo medio quotidiano di una famiglia europea si aggira attorno ai 165 litri. È già una bella cifra, se però si calcola anche l'acqua virtuale, quella che non vediamo ma è servita a produrre il cibo e a far funzionare le industrie, scopriamo che il conto s'impenna. E che la situazione del nostro paese si fa critica: l'impronta idrica in Italia, cioè la quantità di acqua dolce utilizzata per produrre beni e servizi, è pari a 132 miliardi di metri cubi l'anno, 6.309 litri pro capite al giorno. Siamo il terzo importatore netto di acqua virtuale al mondo (62 miliardi di metri cubi l'anno), dopo Giappone e Messico e prima di Germania e Regno Unito.
Continua qui

giovedì 6 marzo 2014

Novità Sanitrit e Grandform a MCE 2014



SANICUBIC

Nuova gamma Sanicubic: una nuova proposta di stazioni di sollevamento ancora più ampia tutti con IP 68 e con centralina di controllo esterna.
(...)
  

WC CON TRITURATORE INTEGRATO SANICOMPACT

Nuovi wc in ceramica con trituratore integrato Sanicompact: silenziosi ed ancora più funzionali perché permettono di collegare anche un lavabo.

Continua qui

mercoledì 19 febbraio 2014

Rinnovabili nei nuovi edifici, l’obbligo del 35% scatta dal 2014

Via libera della Camera al Milleproroghe, confermato lo slittamento al 30 giugno 2014 dell’obbligo di accettare pagamenti tramite POS

19/02/2014 - Via libera dalla Camera al ddl di conversione del Decreto Milleproroghe. L’Aula ha annullato alcune decisioni del Senato, come lo slittamento di un anno dell’obbligo di dotare gli edifici nuovi o ristrutturati di impianti che producano almeno il 35% dell’energia sfruttando le fonti rinnovabili. Confermato invece al 30 giugno 2014 il momento a partire dal quale diventerà obbligatorio accettare i pagamenti con moneta elettronica tramite POS.

Continua qui

giovedì 13 febbraio 2014

Imprese individuali e liberi professionisti per la manutenzione degli impianti

manutenzione impianti 

Il problema del Terzo responsabile degli impianti termici sembrerebbe essersi risolto con un emendamento che ripristina la possibilità per le imprese individuali di effettuare la manutenzione degli impianti.

L’emendamento inserito del DL Destinazione Italia chiarisce la questione sul Terzo responsabile degli impianti termici, cioè la figura che può legalmente occuparsi della manutenzione periodica degli impianti.

La rettifica della normativa è stata recentemente approvata dalle commissioni Finanze e Attività Produttive della Camera e può quindi essere già considerata valida.

Continua qui

mercoledì 12 febbraio 2014

Certificatori energetici, i nuovi requisiti per diventarlo

Destinazione Italia: sale da 64 a 80 ore la durata minima dei corsi, aumentano lauree e diplomi che fanno bypassare i percorsi formativi

12/02/2014 - Per diventare certificatore energetico degli edifici si dovrà frequentare un corso della durata minima di 80 ore. La maggior parte dei professionisti potrà però evitarlo. Sono queste le novità contenute nel ddl Destinazione Italia ,approvato ieri dalla Camera, che modifica il Dpr 75/2013, Regolamento sui requisiti professionali dei certificatori energetici degli edifici, rivedendo non solo la durata dei corsi di formazione, ma aumentando anche le lauree e i diplomi in possesso dei quali è possibile accedere alla professione senza dover affrontare una formazione supplementare.

Continua qui

Plafond Casa, 20 banche hanno aderito al programma

Ad ogni sportello 150 milioni per finanziare a tasso agevolato l’acquisto e la riqualificazione edilizia ed energetica degli immobili

 06/02/2014 - Sono in tutto venti le banche che finora hanno aderito al Plafond Casa. Gli istituti di credito erogheranno, in convenzione con Cassa Depositi e Prestiti che ha messo sul piatto 2 miliardi di euro, mutui agevolati per l’acquisto e la riqualificazione energetica degli immobili.

Continua qui

domenica 19 gennaio 2014

Pompe di calore, sì al 65% se non coesistono con impianti a gas

Enea: il metodo di riscaldamento dell’immobile deve essere sostituito e non integrato

17/01/2014 - Usufruisce della detrazione del 65% la sostituzione integrale o parziale degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompe di calore a condizione che l’intervento non costituisca un’integrazione ad un impianto già esistente.

Continua qui

domenica 12 gennaio 2014

Detrazione 65%, nuova Guida delle Entrate

Interventi ammessi, adempimenti e procedure per usufruire del bonus

10/01/2014 - L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la nuova versione della Guida alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico.

Legge di Stabilità 2014, che ha prorogato la detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

L’agevolazione è stata confermata nella misura del 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014. La detrazione è invece pari al 50% per le spese che saranno effettuate nel 2015.

Per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali e per quelli che riguardano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, la detrazione si applica nella misura del:
- 65%, se la spesa è sostenuta nel periodo compreso tra il 6 giugno 2013 e il 30 giugno 2015;
- 50%, per le spese che saranno effettuate dal 1° luglio 2015 al 30 giugno 201

Continua qui 

 

martedì 7 gennaio 2014

Come risparmiare sul gas? Ecco dieci utili consigli

È possibile risparmiare sulla bolletta del gas? Se sì, in che modo? Spesso gli utenti non sono informati su alcune regole basilari che possono contribuire a questo risparmio ed ecco che gli esperti di Hermann Saunier Duval hanno elaborato un semplice “prontuario” di consigli pratici, che chiunque può mettere in pratica.
I dieci consigli per risparmiare sulla spesa del gas secondo Hermann Saunier Duval.
1.     Nelle ore più calde della giornata, quando la caldaia è spenta, cambia l’aria alla casa
2.     Prevedi l’installazione di un termostato in casa regolando la temperatura interna a 18/19°c e cercando di fissare gli orari di accensione della caldaia nelle ore serali (dalle 18 alle 22) e alla mattina (dalle 7 alle 8)
3.     Controlla le tue finestre (cercando di eliminare gli spifferi) e coibenta pareti esterne e sottotetti
4.     Non lasciare porte o finestre aperte; l’aria calda dei radiatori tende ad uscire, lasciando il posto a quella fredda. Abbassa le tapparelle delle finestre appena fa buio per impedire la dispersione del calore interno attraverso i vetri delle finestre
5.     La doccia invece del bagno ti permette di consumare meno acqua calda
6.     All’inizio della stagione invernale fai pulire e controllare il tuo impianto da personale competente e specializzato. Non solo perché è un obbligo di legge ma anche perché, eliminando gli eventuali depositi avrai un impianto più sicuro ed efficiente (con risparmi anche del 15% del consumo)
7.     Non impedire la circolazione dell’aria calda coprendo i caloriferi con tende, arredi o rivestimenti
8.     Se hai un locale che non utilizzi è meglio chiudere la valvola dei radiatori
9.     Fai pulire periodicamente la canna fumaria
10.   Se devi intervenire sull’impianto della tua casa, fatti consigliare alcune soluzioni su misura per te.

Fonte